Biennale Venezia 2014: il coreografo William Forsythe inaugura il Padiglione Germania

William Forsythe protagonista dell'inaugurazione del Padiglione Germania con una suggestiva installazione sonora dal titolo “Birds, Bonn 1964”

FRANCE-CULTURE-THEATRE-FESTIVAL-AVIGNON

Suggestiva l'inaugurazione del Padiglione Germania in seno alla quattordicesima edizione della Biennale di Architettura di Venezia. Protagonista della giornata dello scorso 6 giugno è stato infatti il coreografo William Forsythe, che ha deliziato i visitatori con una bellissima installazione sonora ideata appositamente per l'occasione.

La Biennale 2014, come desiderato dallo stesso Rem Koolhaas, sarà tutta basata sul rapporto fra presente e passato ma anche sulla commistione fra le varie arti fra cui anche teatro, musica e danza. È per questo che il Goethe-Institut ha invitato a Venezia artisti come William Forsythe, il trio di coreografi MAMAZA, l’ensemble vocale Neue Vocalsolisten Stuttgart e i videoartisti Daniel Kötter e Constanze Fischbeck, tutti contributors del fitto programma del Padiglione tedesco.

Obiettivo: tracciare un punto d'incontro fra architettura, coreografia e performance. Non a caso il nome scelto per questa serie di esibizioni artistiche è stato proprio “Performing Architecture”, che porterà le arti coreografiche anche in giro per Venezia, dove gli spazi urbani verranno trasformati in prosceni grazie a proiezioni, luci e suoni.

La performance di Forsythe, dal titolo “Birds, Bonn 1964" ha avuto il privilegio di rompere il ghiaccio e dare un'idea del genere di eventi dei prossimi giorni. Il coreografo ha infatti messo in scena un'installazione ispirata al Kanzler Bungalow di Bonn, considerato un esempio significativo dell'architettura degli anni 60. Per rendere tutto più suggestivo un gruppo di chioccolatori ha creato uno sfondo sonoro di canti di uccelli.

Entusiasta della partecipazione alla Biennale 2014 Ulrich Braess, direttore del Goethe-Institut Mainland ha affermato:

Siamo molto felici di poter essere partner del padiglione tedesco. Per il Goethe-Institut, le relazioni interdisciplinari tra i diversi ambiti sono parte integrante del proprio lavoro. Ecco perché questa Biennale diventa una piattaforma ideale per esprimere le interconnessioni tra le diverse forme di espressione artistica.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO