Empty Words: il vuoto creato dalle parole

EmptyWords

Il lavoro di Jürg Lehni e Alex Rich, si rivolge giocosamente sia allo sviluppo delle tecniche di stampa, sia al tema dell'interfaccia tra macchina e utilizzatore. In "Empty Words", un plotter trafora i caratteri sulla carta, visualizzando meccanicamente i titoli delle canzoni preferite dai due artisti. I fogli utilizzati sono installati come un panorama narrativo sui muri della galleria.

Il vuoto dei caratteri è praticamente impercettibile, essendo il tutto visibile bianco su bianco. L'unica traccia presente e inequivocabile di quanto è stato scritto, sono i 'coriandoli' ottenuti dalla foratura del plotter, che ingombrano il pavimento. Durante l'installazione, i visitatori sono invitati a produrre loro stessi un artwork così da scoprire il modo per trovare un equilibrio tra la loro espressione e i confini imposti dalla tecnologia.

L'opera di Lehni (già noto per il LegoFontCreator) e Rich (Lineto) è in mostra allo Swiss Institute di arte contemporanea a New York.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail