L'Eclaireur a Parigi e la spettacolarità di Arne Quinze

Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze

"Non è un negozio, è un'esperienza. Non è un decoro e non è un artwork, ma è senz'altro una forma di espressione. Spetterà alle persone farsela propria. La mia gioia più grande sarebbe se intraprendessero un viaggio immaginario nelle loro teste".

Una sorta di trip? Così il designer e artista multidisciplinare Arne Quinze parla del suo ultimo lavoro-creatura, gli interni appena inaugurati del mitico concept store l'Eclaireur a Parigi. Un punto di riferimento imprescindibile per lo shopping parigino già dagli anni '90, quando il negozio fu tra i primi a lanciare marchi poi divenuti celebri come Dries van Noten, Dubreuil, Girbaud, Hussein Chalayan, Martin Margiela, Prada.

Per ricreare un mondo onirico, centrato non tanto sulla merce quanto sull'emotività dell'esperienza offerta dalla visita alla location, Quinze ha ricreato una sorta di mondo fantastico, quasi uterino, rivestendo i locali con scarti assemblati di assi di legno frammiste ad altri materiali di scarto. Inseriti nell'anomala boiserie, 147 monitor mostrano gli occhi un po' languidi della moglie di Quinze. Nel negozio anche l'anteprima francese dell'attesissimo Microsoft Surface.

Via | Dezeen
Foto | Dave Bruel

Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze

Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze
Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze
Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze

Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze
Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze
Lo Showroom Eclaireur progettato da Arne Quinze

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 23 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail