Non disturbare: i cartellini per le porte degli alberghi

CartellinoAereo

Pensate la sorpresa di Michael Lebowitz (che di mestiere fa il CEO della Big Spaceship, un'agenzia creativa) quando ha scoperto che suo nonno gli aveva lasciato in eredità una grandissima collezione di door hangers: i cartellini 'non disturbare' che si usano negli alberghi.

Pensate alla sorpresa di chi scrive nell'imbattersi poco dopo in Non Disturbare, sito italiano che raccoglie lo stesso tipo di materiale. Edoardo Flores ha collezionato 6000 pezzi da 180 paesi, iniziando da bambino quando ha trascorso alcuni anni in Africa, dove suo padre è stato direttore d'albergo. Per lavoro ha poi vissuto a lungo in Asia, Africa e Medio Oriente, alimentando la sua personale 'ossessione'.

Piccoli e discreti o urlanti e vistosi ricordi di viaggio -certo- ma anche la testimonianza di epoche e stili. La possibilità di scoprire attraverso il design di un oggetto così piccolo e apparentemente 'marginale', la cultura visuale di un paese. Alcuni poi, provengono da compagnie aeree e svelano il tentativo di trovare un modo di comunicare oltre le barriere linguistiche e degli immaginari delle rispettive nazioni.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail