La Quartz Chair di CTRL ZAK e Davide Barzaghi

A proposito di disegno modulare, ecco una seduta che sembra uscita da una dimensione preistorica e insieme avveniristica; un blocco monolitico da sistemare in bella vista in salotto, per dargli un tono... alla Flintstones.

Amore a prima vista, o repulsione, a seconda dei casi; di certo è un oggetto che non può non suscitare un certo giubilo negli estimatori delle evocazioni retrò, con netta tendneza allo stile Flintsones per intenderci; ovvero quel gusto prorompente per il pezzo d'arredo che sembra intagliato di fresco da un blocco granitico. Questo almeno, è l'effetto che mi ha fatto la Quartz Chair disegnata dallo studio greco CTRL ZAK insieme all'italiano Davide Barzaghi.

Un elemento realizzato con materiali naturali che poi funziona come due in uno; perchè la sua cornice in legno dalle forme esagonali e pentagonali che richiamano i cristalli del quarzo appunto, possono essere svuotate dei cuscini dentro ad esse incastonati, producendo così nuove sedute in caso di ospiti. Su questo sito (dove la potete asservare da varie angolazioni) abbiamo qualche dettaglio supplementare: la poltrona -molto più comoda di come appare in realtà- è realizzata artigianalmente e in serie limitata; questo significa che ogni pezzo è a sè e non ripetibile, e forse giustifica il prezzo, che sfiora i 14 mila dollari. Volete farvi questo regalo? Potete acquistarla qui.

  • shares
  • Mail