Il design del nuovo Brionvega RR 226

Brionvega RR 226

Dopo un oblio durato anche troppo, il Brand Italianissimo Brionvega ha lanciato la riedizione delle mitiche radioline degli anni 60 e 70, ospitate da tempo in tutti i musei d’arte moderna del mondo.

Dopo la Radio Cubo ts 222 e il modello “a grattacielo” rr 227 riveduti e corretti, sta per essere immessa sul mercato l’ambiziosa riedizione del radiofonografo rr 126, progettato nel 1965 da Pier Giacomo e Achille Castiglioni come un vero elemento d’arredamento, poggiato su un carrello forgiato in alluminio industriale e provvisto di amplificatore, radio, giradischi e due diffusori esterni che potevano essere staccati dal corpo centrale.

Rispetto a questo pezzo di modernariato, la nuova versione rr226, ancora realizzata in legno laccato bianco e poggiata su una struttura mobile in alluminio anodizzato, sarà dotata di un lettore Cd e Dvd con caricamento motorizzato dall'alto, un giradischi dotato di meccanica Project e testina Ortofon e diffusori progettati per migliorare la resa acustica e minimizzare le vibrazioni del giradischi.

L’apparecchio è provvisto di connessioni per altre sorgenti e pur mantenevo l’estetica dei tasti e delle manopole del modello originale, l’amplificazione sarà digitale e in onore dei vecchi tempi, prima di telecomando.

Considerando che ogni apparecchio sarà costruito in Italia con finiture artigianali, il prezzo sarà certamente proibitivo, ma è comunque emozionante sapere che c’è, alla stregua di tanto design che noi comuni mortali non ci potremmo mai permettere, ma che al pari delle opere d’arte possiamo ammirare in musei e gallerie e questo gioiellino Hi-tech sono certa non tarderà ad arrivarci.

Via | Thecoolhunter.net

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 25 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: