Piatti, fondine e co.: disegna un set in porcellana

Scritto da: -

La Bruno Frescura Porcellane s.r.l., con la consulenza del Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design “Pierluigi Spadolini” e la collaborazione del Comune di Calenzano, ha indetto la prima edizione del concorso
nazionale di design “Piatti, fondine & co; concezione di un set composto da piatto, fondina e piatto per dessert in porcellana bianca”.

Il concorso, che si rivolge a studenti e a giovani laureati in Disegno Industriale, ha come obiettivo la progettazione di un coordinato di stoviglie in porcellana bianca.
Si potrà scegliere la forma del piatto che si predilige, tenendo conto della funzionalità poiché il coordinato è principalmente rivolto al settore della ristorazione.

Al termine del concorso, l’azienda Bruno Frescura realizzerà il prototipo del progetto vincitore e degli eventuali altri ritenuti meritevoli di segnalazione.
Il concorso rappresenta di certo un’occasione interessante per mettere alla prova la propria creatività applicata ad un materiale che appartiene alla tradizione ed è estremamente versatile.
Per saperne di più andato dopo il “salto”….


Modalità di partecipazione.
Il concorso è riservato agli studenti e ai giovani laureati (età massima 30 anni) in Disegno Industriale: essi possono partecipare individualmente o in gruppo e, in tal caso, anche con altri giovani studenti laureati in discipline affini designando comunque un capogruppo dotato dei requisiti richiesti.
La partecipazione è vietata ai membri della giuria, ai loro famigliari, ai dipendenti dell’azienda organizzatrice e delle eventuali aziende sponsorizzatrici e patrocinanti.
I progetti dovranno necessariamente essere originali e inediti, pena l’esclusione dal concorso.
Non saranno ammessi progetti già in produzione, sottoposti ad altri concorsi, già pubblicati o esposti in mostre e manifestazioni.
La partecipazione avverrà sotto la personale responsabilità del concorrente.
I progettisti si assumeranno ogni responsabilità in merito all’originalità delle loro proposte.

Premi e riconoscimenti.
I premi stabiliti sono così suddivisi:
– € 5.000,00 al 1° classificato
– € 1.200,00 al 2° classificato
– € 800,00 al 3° classificato
L’azienda Bruno Frescura Porcellane s.r.l. realizzerà il prototipo del progetto vincitore e degli eventuali altri ritenuti meritevoli di segnalazione; i prototipi resteranno di proprietà della Bruno Frescura.
Oltre ai premi sopra menzionati la giuria segnalerà altri tre progetti ritenuti di particolare interesse.
A suo insindacabile giudizio la giuria potrà identificare ulteriori progetti, anche fuori classifica, le cui caratteristiche di fattibilità possano apparire di interesse per l’azienda promotrice. Detti progetti resteranno a disposizione dell’azienda per un periodo non superiore a sei mesi dalla proclamazione dell’esito del concorso: in questo frattempo l’impresa promotrice potrà decidere di mettere a disposizione lo stesso compenso previsto per il primo classificato.
I progetti che verranno avviati alla produzione riceveranno pertanto il compenso di 5000 euro, riservato al primo classificato, detratti gli eventuali rimborsi previsti dalla graduatoria.
I progetti più significativi verranno esposti durante la mostra che verrà allestita presso i locali del Comune di Calenzano.
La premiazione avverrà presso la sede di Calenzano del Corso di Laurea in Disegno Industriale della Facoltà di Architettura in via V. Emanuele 41, il giorno che verrà preannunciato a tutti gli interessati.
Sempre a suo insindacabile giudizio, se la qualità delle proposte dovesse mancare, la giuria potrà non assegnare uno o tutti i premi suddetti.
Con il pagamento del premio e senza ulteriori compensi, l’azienda Bruno Frescura Porcellane s.r.l. acquisisce automaticamente il diritto di produrre (con gli inevitabili accorgimenti tecnici esecutivi introdotti dai suoi uffici) il progetto primo classificato e gli eventuali altri segnalati allo scopo dalla giuria, garantendo ovviamente la citazione degli autori in conformità con le vigenti Leggi; i progetti 2° e 3° classificato, se non messi in produzione avranno, come riconoscimento, il previsto rimborso di spese e gli autori saranno liberi di riproporli in altre occasioni.
Tutti gli elaborati resteranno a disposizione del Corso di Laurea in Disegno Industriale di Firenze che ne curerà, per quanto possibile, la valorizzazione in una sorta di archivio storico del concorso presso la stessa Bruno Frescura Porcellane s.r.l.

Giuria e criteri di valutazione.
La commissione che giudicherà gli elaborati pervenuti sarà composta da 7 membri, comprendenti docenti universitari, professionisti nei settori del design e rappresentanti dell’azienda promotrice. Il presidente della commissione sarà nominato all’interno della stessa.
In particolare essa sarà costituita da:
– prof. arch. Alessandro Ubertazzi, ordinario di Disegno Industriale alla Facoltà di Architettura dell’Università degli
– arch. prof. Elisabetta Benelli, architetto professionista e ricercatore presso la Facoltà di Architettura
– Mike Bongiorno, direttore commerciale della Bruno Frescura Porcellane s.r.l.;
– Paolo Frescura, amministratore delegato della Bruno Frescura Porcellane s.r.l.;
– Valentina Braschi, art director dello Studiodi.biz e responsabile di immagine della Bruno Frescura Porcellane s.r.l.;
– Lia Pagano, responsabile marketing della Bruno Frescura Porcellane s.r.l.;
– Giuliano Barducci, assessore alle attività produttive del comune di Calenzano (Fi).

La selezione e la valutazione dei progetti terrà conto della loro originalità e creatività, del grado di innovazione, ricerca e sperimentazione di nuove soluzioni progettuali che, pur nella libera espressione dei partecipanti, tengano conto delle specificità tecnologiche e produttive reali e anche del grado di riproducibilità tecnica; saranno inoltre valutate le caratteristiche ergonomiche dei prodotti, la capacità dei progetti di definire e anticipare scenari d’uso innovativi.
I parametri valutati per stabilire i progetti vincitori saranno:
– originalità della proposta;
– qualità della presentazione complessiva dell’elaborato;
– producibilità del progetto.
La partecipazione al concorso implica l’accettazione incondizionata del presente bando, così come delle decisioni della giuria.
La giuria delibererà a maggioranza e il suo giudizio sarà inappellabile.
I lavori della giuria saranno segreti e considerati validi con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi membri.
Una bozza del verbale con il resoconto dei lavori della giuria e con il giudizio sui progetti sarà stesa durante la riunione e firmata dai giurati alla conclusione dei lavori.

Domanda di partecipazione.
La domanda di partecipazione al concorso deve essere effettuata inviando una mail all’indirizzo di posta elettronica
alessandro.ubertazzi@taed.unifi.it.

Elaborati; anonimità dei partecipanti.
Per ogni progetto dovranno essere consegnati:
A. 2 tavole (e non più di due) montate su pannelli rigidi, preferibilmente cartoon plum, di dimensione 50×70 cm (orientate verticalmente); le tavole dovranno contenere i disegni tecnici quotati con eventuali particolari ritenuti significativi, i rendering dell’oggetto progettato, unitamente a una breve relazione (in italiano) che espliciti le motivazioni, le caratteristiche del progetto e qualunque altro dato ritenuto utile.
Ogni tavola dovrà riportare (in basso a destra) un codice alfanumerico, composto al massimo da 7 caratteri identificativi del partecipante, atto a garantire il suo anonimato.
Lo stesso codice dovrà essere riportato su una busta sigillata allegata alle tavole, nella quale sarà stata inserita una lettera recante i dati anagrafici del partecipante o del gruppo di partecipanti (in questo caso con la designazione del capogruppo firmato da tutti i componenti), l’autentificazione della sua o delle loro qualifiche di studente o di giovane laureato (cfr Art. 2) in Disegno Industriale, il suo Codice Fiscale, il domicilio, un recapito telefonico di rete fissa e/o mobile, l’indirizzo di posta elettronica, un’esplicita dichiarazione di conoscenza del presente bando e della sua
incondizionata accettazione.

B.1 CD-Rom contenente i files delle tavole di progetto e della relazione in formato Word e le immagini di qualità e risoluzione adeguata ai requisiti di stampa (300 dpi in formato .jpg o .tif, max, 20×15 cm);
Studi di Firenze; dell’Università degli Studi di Firenze

C. a scelta del partecipante, potrà essere consegnato anche un modello al vero del progetto le cui dimensioni non dovranno superare quelle di un cubo di cm 40×40x40.

Data di consegna degli elaborati.
Gli elaborati dovranno essere inviati a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento alla ditta Bruno Frescura Porcellane s.r.l.
Gli elaborati dovranno pervenire improrogabilmente entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 09-07-2008. In caso di mancato arrivo degli elaborati, l’ente organizzatore è esonerato da ogni responsabilità.
I progetti ricevuti oltre il termine di scadenza e quelli non conformi alle norme saranno insindacabilmente esclusi dal concorso; sarà tuttavia facoltà della giuria decidere, prima dell’inizio dei lavori, se accettare quegli elaborati giunti oltre il termine stabilito ancorché sia evidente che la spedizione del plico sia avvenuta tre giorni prima della data di consegna prevista dal bando.

Copyright.
Con la sola partecipazione al concorso, il concorrente autorizza l’ente organizzatore a pubblicare e a pubblicizzare le
opere con le modalità che quest’ultimo riterrà più opportune.
Nulla, comunque, è dovuto agli autori per la pubblicazione del loro lavoro sull’eventuale catalogo e per ogni iniziativa editoriale tendente a valorizzarne l’opera. L’ente organizzatore si impegna fin d’ora a favorire la conoscenza degli esiti del concorso e a citare, in ogni occasione, i nomi degli autori le cui opere verranno pubblicate.

Modulistica per la partecipazione.
Dal sito www.studiodi.biz potranno essere scaricati i moduli che l’organizzazione del concorso ha predisposto per agevolare la partecipazione dei concorrenti.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!