Salone del Mobile Milano Shanghai 2017: Artemide presenta gli ultimi progetti

Artemide conferma il suo interesse verso la Cina, rinnovando la partecipazione alla seconda edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai, che presenterà il meglio del Made in Italy allo Shanghai Exhibition Center, nel cuore della metropoli cinese, dal 23 al 25 novembre. Scopri tutto su Designerblog

IF

Artemide, già presente da molti anni sul territorio, conferma il suo interesse verso la Cina, rinnovando la partecipazione alla seconda edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai che presenterà il meglio del Made in Italy allo Shanghai Exhibition Center, nel cuore della metropoli cinese, dal 23 al 25 novembre.

“Crediamo molto nel mercato cinese – afferma Carlotta de Bevilacqua, Vice Presidente e CEO del Gruppo Artemide - un mercato ormai pronto a capire i rapidi cambiamenti in atto nel campo dell’illuminazione, ad apprezzare non solo la qualità di manufacturing, ma anche le tecnologie più innovative ed evolute dei nostri apparecchi. Per Artemide progettare la luce non significa solo disegnare una forma ma indagare e gestire gli aspetti più tecnici come ricerca e sperimentazione di nuove potenzialità”.

Shanghai sarà un palcoscenico di grande interesse per Artemide, che esporrà i più recenti progetti, espressione della continua attenzione verso soluzioni sempre più all’avanguardia. Progetti che interpretano, con una riflessione contemporanea, anche la cultura e la tradizione orientale. Artemide presenterà al Salone la collezione Yanzi, nata dalla collaborazione con lo studio Neri&Hu, fondato a Shanghai dagli architetti Lyndon Neri e Rossana Hu. Yanzi è una famiglia di lampade, che rappresenta una perfetta sintesi fra tradizione e innovazione, interazione sostenibile tra materiale, forma e luce. Yanzi è un sistema aperto, ideale per costruire leggere composizioni e paesaggi di luce. La ricerca sviluppata da Neri&Hu con Artemide continua con la lampada nh1217, che introduce una gestualità intuitiva e richiama l’uso delle lanterne.

Nel percorso espositivo la cultura della luce Artemide si manifesta anche attraverso i progetti firmati da grandi architetti, espressione delle migliori tecnologie innovative e brevettate. Ne sono esempi le lampade: Orsa dello studio Foster+Partners, Unterlinden di Herzog & De Meuron e Alphabet of Light dello studio BIG. Protagoniste dello spazio anche soluzioni di illuminazione intelligenti e dalla forte emozionalità: la lampada a sospensione Ameluna, nata dalla partnership con Mercedes-Benz Style; e soluzioni capaci di rispondere in modo versatile e flessibile a ogni necessità architettonica: il progetto LoT firmato da Tapio Rosenius, i sistemi Algoritmo e A24 disegnati da Carlotta de Bevilacqua.

yanzi-suspension-by-nerihu.jpg

Nello stand il design Made in Italy verrà messo in scena attraverso l’emozione della luce grazie ai pezzi più rappresentativi e “riconoscibili”: come la famiglia Tolomeo che quest’anno celebra il suo trentesimo anniversario ed è ancora contemporanea e “pronta a tutto” come afferma Michele De Lucchi. Significativa anche la presenza delle iconiche lampade Pausania e Callimaco come tributo all’architetto e designer Ettore Sottsass, a cento anni dalla nascita.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO