Trentino: arte contemporanea e design ecosostenibile

In Trentino, con Hyundai Ioniq Plug-in alla scoperta dell'arte contemporanea e del design ecosostenibile.

Musei, installazioni artistiche a cielo aperto, un intero quartiere ideato dall'archistar italiano che il mondo ci invidia. Tutto questo e molto altro abbiamo potuto ammirare in Trentino nel corso di un viaggio a bordo dell'auto ibrida/elettrica più stilosa sulla piazza, la Hyundai Ioniq Plug-in, un perfetto connubio tra ecosostenibilità e design.

Hyundai Ioniq Plug-in: testa il risparmio

Hyundai ha creato una gamma di veicoli “amici” dell’ambiente lanciando insieme alla nuova Hyundai Ioniq Plug-in, anche la versione elettrica e la ibrida. Vetture dal design moderno dove l’innovazione incontra l’eco-sostenibilità e la tecnologia più all’avanguardia. Vetture dalle linee uniche che si contraddistinguono per lo stile pulito e dinamico. Con il coefficiente aereodinamico di 0.24, la Ioniq è una delle auto più aereodinamiche del mercato. L’elegante silhouette e i dettagli finemente progettati sfruttano il flusso d'aria per ridurre al minimo la resistenza e le emissioni.

Appena seduti al posto di guida è impossibile non notare l'elevato livello di comfort: l’abitacolo è ben isolato e presenta finiture abbastanza curate con plastiche morbide e comandi ergonomici. Le valigie non sono state certo un problema grazie ai 341 litri (ampliabili fino a 1.401 abbattendo i sedili posteriori) del vano bagagli. Il tutto in un'auto che, sviluppata con la massima attenzione ai dettagli, soprattutto per quanto riguarda il powertrain, può vantare dimensioni compatte: ben 4 metri e 47 cm di lunghezza.

Aggiustiamo l'ampio specchietto retrovisore e siamo pronti a partire, destinazione Arte Sella, nel comune di Borgo Valsugana. Un bosco che è anche un museo a cielo aperto. Un processo creativo unico nato 30 anni or sono che immerge i visitatori nell'arte e nella natura: ovunque ci si volti lo sguardo si imbatte in un'installazione artistica realizzata con legni, foglie, rami e pietre.

Uno spettacolo che ha ispirato a sua volta numerosi artisti, soprattutto in campo musicale, da Elisa ai Marlene Kuntz che hanno scelto questa meravigliosa e incantata location rispettivamente per concerti esclusivi e per cover dei loro dischi. Un'esperienza sensoriale davvero imperdibile a un'ora di macchina da Trento.

Del resto la Hyundai Ioniq Plug-in è la vettura ideale per spostarsi sia in città che nelle zone extraurbane, ma è proprio nel percorso misto che emergono le sue doti dinamiche con un consumo di 1.1 litri ogni 100 chilometri. La Hyundai Ioniq Hybrid è dotata di un propulsore ibrido 1.6 a benzina GDI 4 cilindri da 105 cavalli e una coppia massima di 147 Nm, che lavora in coppia con un motore elettrico da 45 kW (61 cavalli) attivato da una batteria di 8,9 kWh agli ioni polimeri di litio.

La potenza combinata è di 141 cavalli ed è in grado di far accelerare la vettura da 0 a 100 km/h in 10,6 secondi e farle raggiungere una velocità massima di 178 km/h. Il prezzo della Hyundai Ioniq Hybrid è di 36.250 euro Iva inclusa per l'allestimento Style, come quello della nostra vettura.

Lasciamo Borgo Valsugana per raggiungere Rovereto dove ci aspetta uno dei musei d'arte contemporanea più interessanti d'Italia: il Mart. Progettato dall'architetto ticinese Mario Botta e dall'ingegnere Giulio Andreolli, la sua struttura riecheggia i modelli classici (il riferimento più evidente è quello al Pantheon per via della grande cupola che sovrasta l'intero edificio) mantenendo un occhio di riguardo verso l'avanguardia: la stessa cupola, infatti, è in acciaio e plexiglas e presenta un curioso "spicchio" mancante reso possibile da complesse soluzioni ingegneristiche.

Si torna alla tradizione, invece, con la scelta del materiale per il rivestimento murale: la pietra gialla di Vicenza, tipicamente utilizzata da Andrea Palladio. Fondato nel 1987 il Mart non smette mai di stupire. Come ricco di sorprese è anche il Muse, il Museo delle Scienze di Trento.

Nel tragitto tra Rovereto e Trento abbiamo potuto apprezzare la videocamera di retromarcia della Hyundai Ioniq Plug-in, un accessorio che risulta indispensabile vista la scarsa visibilità posteriore dovuta al design aerodinamico della coda.

Il Muse è stato progettato da Renzo Piano come l'intero quartiere che lo ospita e che prende il nome di Le Albere, fulcro culturale della città di Trento grazie anche alla presenza della Biblioteca Universitaria. Un'idea ambiziosa, quasi utopica, quella dell'archistar genovese che ha voluto ricreare un intero quartiere all'insegna dell'ecosostenibilità e del design d'avanguardia.

Inaugurato nel 2013 Le Albere vuole rappresentare la città del futuro, un polmone verde urbano in cui nulla viene lasciato a caso fin nei minimi dettagli: per la pavimentazione del Muse, ad esempio, è stato scelto il bambù che, oltre alla solida resistenza, ha anche la qualità di essere una graminacea a crescita spontanea. Non c'è dunque bisogno di deforestazioni per ottenerlo.

La struttura del Muse ricorda il caratteristico profilo frastagliato delle Dolomiti e al suo interno, per la gioia di grandi e piccini, pullulano le attività interattive come anche gli animali tassidermizzati sospesi a mezz'aria mentre a sovrastare l'intero edificio svetta lo scheletro di una balenottera spiaggiata nel 1995 sulle coste di Livorno.

Appena usciti dal Muse non si può resistere alla tentazione di fare un giro, rigorosamente a piedi o in bici (le auto non sono ammesse), all'interno del quartiere Le Albere che contiene oltre al Muse e alla già citata biblioteca universitaria di cinque piani, diciotto palazzine immerse nel verde ognuna immancabilmente corredata da pannelli fotovoltaici. Costruito nella zona dell'ex fabbrica Michelin, Le Albere resta tuttora un sogno da attraversare ad occhi aperti.

Il nostro viaggio è giunto al termine, andiamo a riprendere la Hyundai Ioniq Plug-in che avevamo posteggiato nell'ampio parcheggio sotterraneo di Le Albere (conta fino a 2000 posti!) e, sulla strada del ritorno, ci godiamo le nostre canzoni preferite grazie al completo sistema di infotainment del veicolo, davvero facilissimo da usare: Android Auto e Apple CarPlay si interfacciano immediatamente con l’auto rendendo l’esperienza di guida ancora più comoda e sicura.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 38 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO