Designjunction London Design Festival 2017: le icone e le ultime novità di Lapalma

Nell’area di King’s Cross, al ground floor della Cubitt House lo spazio Lapalma, progettato dal direttore artistico Francesco Rota, regala una sintesi delle proposte del marchio. Scopri tutto su Designerblog

Lapalma ha partecipato all’edizione 2017 di Designjunction. In uno scenario che vede affermarsi la contaminazione tra diversi ambiti di progettazione, gli spazi dedicati alla collettività - ambienti lounge, uffici, ristoranti e hôtellerie - valorizzano soluzioni connotate dal comfort; atmosfere calde, intime o aperte all’incontro sociale, dove sentirsi sempre a proprio agio, come a casa. Allo stesso tempo le mura domestiche accolgono spazi specificatamente pensati per l’home office. Nasce così l’esigenza di proposte trasversali, che Lapalma industrializza mettendo a punto sistemi flessibili e modulari in grado di integrarsi all’architettura esistente.

Nell’area di King’s Cross - la stazione ferroviaria attorno a cui è nato il quartiere cuore pulsante della creatività che ospita il Designjunction in 5 diverse location - al ground floor della Cubitt House lo spazio Lapalma, progettato dal direttore artistico Francesco Rota, regala una sintesi delle proposte del marchio. Al centro un sistema che fa della versatilità il suo elemento vincente: ADD system, disegnato da Francesco Rota, proposta modulare completa che unisce in un unico sistema seduta (ADD), tavolo (ADD T) ed elemento contenitore (ADD S), permettendo la più libera composizione e personalizzazione.

Il progetto ha preso inizialmente forma con il pluripremiato ADD, sistema seduta composto da una base, con telaio in profili di alluminio estruso uniti tramite piastre d’acciaio e gambe in pressofusione di alluminio - sulla quale si possono assemblare piani, sedili, schienali ed altri accessori, per dar vita a svariate composizioni che soddisfano innumerevoli esigenze progettuali in ambito contract o residenziale.

Arricchitosi via via con nuove soluzioni ed accessori, il sistema si è in seguito ampliato con la proposta di un tavolo (ADD T) e più recentemente e di un sistema di elementi contenitori (ADD S) che, giocando sulla stessa modularità che ha contraddistinto da subito il seating system, consente di combinare moduli in tre differenti altezze e 45 cm di profondità, ideali per accogliere comodamente oggetti, libri o archivi. Risposta puntuale e integrata ad una esigenza di mercato che, nel settore del contract, esprimeva la necessità di una proposta versatile, elegante e al contempo essenziale, ADD system coniuga una attenta visione progettuale con l’abilità e l’intelligenza industriale di Lapalma.

Al Designjunction, una composizione che alterna contenitori a tre differenti altezze, chiusi e aperti a giorno, tavolo quadrato con piano in rovere sbiancato e divano quattro posti con angolo, è presentata insieme a prodotti crossover e ad alcuni best seller dell’azienda. Si va dai tavolini di servizio Jey di Francesco Rota e Yo di Romano Marcato, alle sedute UNO e Cut di Francesco Rota, fino agli immancabili pouf Kipu di Anderssen & Voll.

A separare gli ambienti un elemento dall’utilizzo versatile: il pannello divisorio SCREEN di Francesco Rota, pensato per delimitare gli spazi garantendo il desiderato livello di privacy. Nella zona dedicata alle sedute alte, gli sgabelli Miunn di Karri Monni, trovano posto accanto al tavolo alto Brio di Romano Marcato, mentre lo sgabello Ryo disegnato da Enzo Berti, elemento defaticante dalla massima versatilità di utilizzo, è pronto a regalare al pubblico della Cubitt House pause a tutto relax.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO