Luigi Bormioli bicchieri: la collezione Birrateque per degustare la birra artigianale

La vetreria di Parma firma una collezione dedicata all’arte birraria e svela i segreti per un’esperienza di consumo ogni volta unica e gratificante

collezione_birrateque.jpg

Piacevole, fresca, dissetante: la birra è sempre più protagonista delle nostre tavole. Quando il termometro s’impenna, poi, la sua moderata componente alcolica ne fa una scelta più saggia e meno impegnativa rispetto a vini e cocktail anche durante l’ora dell’aperitivo.

A dispetto dei notevoli consumi e del crescente diffondersi, nel nostro Paese, della cultura birraria (suggellata dalla presenza di oltre 700 microbirrifici secondo Unionbirrai) non a tutti forse è noto il significato del termine “merletti di Bruxelles” (gli archetti creati dalla schiuma della birra sul bicchiere) o il gesto perfetto per assaporare il gusto della birra: né il fatto che questa bevanda è fortemente influenzata dalla dimensione, dalla forma e dalla pulizia del bicchiere in cui viene versata.

La collezione Birrateque Luigi Bormioli parte proprio da questo presupposto: realizzata in collaborazione con il Centro Studi Assaggiatori, è stata pensata per valorizzare le caratteristiche organolettiche di ogni stile di birra artigianale. La linea Birrateque comprende sei referenze: un raffinato calice per l’analisi sensoriale; quattro bicchieri destinati, rispettivamente, a IPA, Stout, birre stagionali e Weiss dalla forma originale, di agevole impugnatura; e infine un bicchiere da sidro, dalle linee simpatiche e compatte.

Pratici, maneggevoli e originali nel design, i bicchieri Birrateque sono accurati strumenti di degustazione: a partire dal materiale in cui sono realizzati, l’innovativo vetro Sonoro Superiore senza Piombo SON.hyx, le cui eccezionali trasparenza e brillantezza esaltano il colore della birra artigianale e della schiuma.

Da un punto di vista tecnico i bicchieri Birrateque hanno la capacità di distribuire la birra lungo tutta la cavità orale e non solo al centro della lingua; e quella di far entrare la birra in bocca a velocità limitata e senza turbolenza, per dare tempo a lingua e naso di percepire tutte le componenti gustative ed aromatiche. La struttura dei bicchieri evita l’eccessivo riscaldamento della bevanda, e la schiuma viene mantenuta a mano a mano che si svuotano. Il Foam Control System (FCS), cioè l’incisione laser sul fondo del bicchiere, mantiene attivo il flusso di bollicine fini e persistenti che migliorano la schiuma, evita il rischio di ossidazione e la conseguente dispersione di sapore ed aromi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 10 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO