Principesse Disney: i lampadari fiabeschi di Davide G. Aquini per Lalu, le foto

Su design di Davide G. Aquini arriva una collezione di lampadari fiabeschi firmati Lalu. Atmosfera fantastica nelle luci ma anche a partire dal nome stesso dell'azienda, Lalu. Termine immaginario, significa luce e design, significa luna, significa mondo fiabesco e fantastico. Scopri di più qui su Designerblog.

Su design di Davide G. Aquini arriva una collezione di lampadari fiabeschi firmati Lalu. Atmosfera fantastica nelle luci ma anche a partire dal nome stesso dell'azienda, Lalu. Termine immaginario, significa luce e design, significa luna, significa mondo fiabesco e fantastico.

La nuova collezione “Light as a Fairytale”, è un progetto nato dall’incontro dell’azienda Lalu con alcuni emergenti designer del panorama italiano, ed è caratterizzata dall’accostamento di preziosi materiali della tradizione italiana; vetro, cristallo, metalli e tessuti sono finemente lavorati da artigiani locali e legati tra loro grazie a ricercate forme. Il tutto con l’intento di far rivivere un’atmosfera da incanto.

Intitolati come le principesse delle fiabe, si parte da Belle, con le sue eleganti linee sospese nel tempo, come la fiaba a cui è ispirato “La belle et la bête”. Il vetro pulegoso riflette la personalità della protagonista: la sua purezza, il tocco gentile, e al contempo il suo saper cogliere la sostanza oltre l’apparenza. A corollare il tutto, i paralumi in doppia organza dai toni cangianti alla luce, quali le sembianze di Bestia di fronte alla forza dell’amore.

L’incanto della voce di Rapunzel nell’omonima fiaba dei fratelli Grimm trova espressione in un lampadario dalle sinuose e armoniche forme. Una melodia di materiali capace di far innamorare; a cominciare dal vetro sfumato, finemente accostato alla leggerezza dei bicchieri e al gusto materico dei paralumi. Il risultato è un classico veneziano in chiave contemporanea.

Cynderella è leggero ed effimero come un tocco di bacchetta magica, come un sogno che sembra destinato a scomparire dopo la mezzanotte. Ma il sogno in realtà si materializza nelle preziose pastiglie in vetro pulegoso, concatenate grazie ad un sottile cavo d’acciaio, per dare vita ad una cascata di fili riflettenti e luminosi.

Infine, Snow White traspone il famoso quesito della matrigna: “Chi è la più bella del reame?” in una maestosa creazione capace di coniugare differenti stili e linguaggi. Un composé di toni classici e contemporanei, dove i fili di cristalli prismati, adatti a creare dei giocosi riflessi di luce, sono protetti da una cascata di frange di tessuto tripolino dal gusto charleston.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 61 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO