Cucine Franke: i prodotti green per ridurre i consumi, le foto

Il mondo green entra in cucina non solo attraverso il cibo, ma anche grazie agli utensili. Franke, infatti, propone una cucina con consumi ridotti ai minimi termini. Scopri di più qui su Designerblog.

Il mondo green entra in cucina non solo attraverso il cibo, ma anche grazie agli utensili. Franke, infatti, propone una cucina con consumi ridotti ai minimi termini. Responsabilità sociale e tutela ambientale diventano principio e priorità, impegno costante per assicurare lo svolgimento delle attività produttive in modo ecologicamente corretto. Scegliere Franke, dunque, significa scegliere lavelli ed elettrodomestici frutto di tecnologie all’avanguardia, realizzati con materie prime di altissima qualità.

Grazie al suo know-how, Franke ha messo a punto prodotti che - proprio nella fase di utilizzo, quando si manifesta maggiormente l’impatto ambientale - riducono al minimo i consumi di acqua ed energia. Un’attenzione a 360°, che contraddistingue tutto l’universo Franke.

Dai lavelli in acciaio inox, materiale universalmente riconosciuto come il più igienico e antibatterico al mondo, oltre che riciclabile al 100%, a quelli in Fragranite, a impatto ambientale altrettanto ridotto. Composto per l’80% di granito e per il 20% di resine acriliche, il Fragranite è infatti un materiale – esclusivo Franke - ad altissima resistenza, naturale, biologicamente idoneo al contatto con gli alimenti. Risparmio idrico e sicurezza alimentare sono i plus della collezione di miscelatori, prodotti che abbinano design e alta qualità ad elevati standard tecnologici. La ricerca costante di soluzioni volte alla riduzione del consumo – e dello spreco – di acqua hanno portato alla messa a punto di una speciale cartuccia di miscelazione e di un sistema di azionamento a due stadi. Ma sono i forni i protagonisti della vera e propria rivoluzione energetica firmata Franke: i modelli dotati della tecnologia brevettata Dinamic Cooking Technology (DCT), sono infatti gli unici sul mercato a collocarsi in classe A++. Una prestazione ottenuta grazie alle innovative resistenze a filo in grado di indirizzare il calore solo dove effettivamente necessario, limitando la dispersione termica ed eliminando i tempi di preriscaldamento. Consumi ridotti che diminuiscono ulteriormente con l’esclusiva funzione low energy, per cucinare con potenza 1kW (e utilizzare contemporaneamente anche più elettrodomestici). Dai forni ai piani cottura: la collezione di piani a induzione Franke è sinonimo di risparmio sia in termini di tempo che di energia, oltre che di massima sicurezza, igiene e facilità di pulizia. Il segreto? La dispersione di calore è ridotta al minimo (il 90% dell’energia diventa calore) e i tempi di cottura sono dunque molto più rapidi (per portare a ebollizione 2 litri d’acqua bastano solo 3 minuti).

Aspirazione perimetrale con bassissimi livelli di rumorosità, funzioni di aspirazione alternate e elettronica evoluta: anche le cappe Franke sono concepite per garantire prestazioni di altissimo livello, esaltando lo stile dell’ambiente cucina grazie al loro design estremamente ricercato. L’illuminazione con faretti LED consente inoltre di ridurre il consumo energetico del 90%.

A proposito di conservazione e lavaggio in chiave green: la nuova generazione di frigoriferi e lavastoviglie Franke assicura prestazioni di altissimo livello, certificate rispettivamente in classe A, A+ e A+++. I frigoriferi, in funzione costante e quindi determinanti per il consumo energetico domestico, registrano un consumo tra 0,85 kWh/24h 1,16 kWh/24h (per un consumo annuo tra 312 kWh/annuo e 424 kWh/annuo) e sono inoltre realizzati con materiali e componenti a basso impatto ambientale e non presentano sostanze nocive (come CFC e HFC) nel circuito refrigerante e nell’isolamento. Le lavastoviglie, invece, vantano la tripla classe A, con consumi ridotti al minimo e sempre abbinati a massima efficienza nel lavaggio e nell’asciugatura; per evitare gli sprechi di acqua ed energia sono stati messi a punto anche programmi speciali come auto - che grazie ad un sensore adatta il ciclo di lavaggio al grado di sporco delle stoviglie – e mezzo carico – che permette di caricare solo il cestello inferiore o quello superiore.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO