Museo Poldi Pezzoli e Inventario: la mostra "Quasi Segreti, Cassetti tra Arte e Design"

E' stata inaugurata al Museo Poldi Pezzoli di Milano la mostra “Quasi segreti. Cassetti tra arte e design”, a cura di Beppe Finessi, promossa e sostenuta da Foscarini e Inventario, la mostra prosegue la riflessione su arte e design attraverso il cassetto (e la cassettiera). Le immagini sono su Designerblog

QUASI SEGRETI. Cassetti tra Arte e Design è il titolo della nuova mostra nata dalla collaborazione tra il Museo Poldi Pezzoli e Inventario. Quest’anno la riflessione tra il design e l’arte riguarda il cassetto (e la cassettiera): una tipologia particolare nella storia dell’arredamento, già ben rappresentata da alcuni oggetti storici di eccezionale valore della collezione di Gian Giacomo Poldi Pezzoli.

L’esposizione, in corso nella casa museo di via Manzoni dal 16 marzo al 25 aprile 2016, si concentra sul mondo contemporaneo dei cassetti, elementi evidentemente funzionali, capaci di contenere, ordinare e nascondere ma, come afferma il curatore Beppe Finessi “proprio per queste loro caratteristiche d’uso, anche capaci di suggerire visioni, evocare ricordi e suggestioni”.

Basta pensare alle azioni e ai movimenti che il nostro corpo deve compiere per utilizzare i cassetti, e nel momento dell’uso, di come i tempi di questo gesto, semplice e rituale insieme, possano provocare in noi delle emozioni. Giovani designer ma anche i grandi maestri della progettazione hanno riletto e interpretato questa presenza domestica così consolidata nella nostra tradizione dell’abitare.

In mostra ci sono cassettiere dal classico sviluppo verticale, dove però anche le maniglie possono diventare una parte significativa del progetto, come in Genesio di Alik Cavaliere; ci sono maestri contemporanei che hanno giocato con la decorazione, come nelle creazioni di Alessandro Mendini; ci sono i cassetti realizzati da Tejo Remy, affastellati casualmente uno sull’altro. E ancora opere sofisticate di Mario Botta e Ettore Sottsass e le straordinarie creazioni di Shiro Kuramata, ricercata voce del design giapponese del Novecento.

QUASI SEGRETI si sviluppa lungo l’intero percorso espositivo del Museo Poldi Pezzoli, dove le opere si inseriscono in modo armonioso accanto agli stipi e cassoni già presenti nella casa museo, “piccole wunderkammer – dichiara Annalisa Zanni, direttore del museo – realizzate in materiali rari e preziosi, destinate ad accogliere, nei loro cassetti, molte volte introvabili, se non per chi li creava e chi li possedeva, oggetti “speciali”.

"Questa mostra fa parte della nostra attività con Inventario, la straordinaria avventura editoriale che promuoviamo e sosteniamo, diretta da Beppe Finessi e premiata nel 2014 con il Compasso d’oro ADI.” Racconta Carlo Urbinati, presidente di Foscarini: “Inventario è il nostro think-tank verso il mondo della cultura, delle arti, del design. Da sei anni è anche una mostra, di cui siamo particolarmente orgogliosi, al Museo Poldi Pezzoli: una fortunata collaborazione, nata nel 2011, che si è consolidata negli anni rivelandosi una sfida sempre nuova e appassionante.”

Completa l'esposizione un volume edito da Corraini Edizioni che presenta, oltre ai saggi dei curatori, le immagini e le descrizioni delle opere esposte, anche una rassegna più estesa di ulteriori opere, che indagano il tema del cassetto – cassettiera.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO