Eva Natasa lancia la linea LULA, con complementi ispirati allo slow design

Eva Natasa si ispira allo slow design per la sua collezione di complementi d'arredo LULA

Eva Natasa è una giovane designer indonesiana con le idee molto chiare: così come la buona cucina ha bisogno di tempo e materie prime di alta qualità per potersi dire tale, anche il buon design necessita di "lentezza" per trovare la sua giusta dimensione, coniugazione perfetta di bellezza, durata e rispetto per la natura.

Da questa filosofia un po' new age nasce lo slow design, a cui Eva Natasa si ispira per le sue realizzazioni, come la linea LULA, fatta di complementi d'arredo votati all'artiginanalità, all'eco-sostenibilità, alla tecnologia e alla cura per i dettagli.

Tutti i prodotti sono rigorosamente made in Indonesia e creati con legno di teak certificato dall'impresa forestale del governo locale (particolare molto importante, visto che l'80% della deforestazione indonesiana si stima sia illegale).

La scelta del teak non è poi casuale, in quanto una delle caratteristiche degli arredi firmati dalla Natase è la durata nel tempo. Questo legno, molto usato anche nell'industria navale proprio per le sue virtù di stabilità e resistenza, contiene oli naturali che tengono alla larga i parassiti, limitando così la manutenzione ordinaria e la pulizia con sostanze chimiche.

Parlando nello specifico della collezione LULA, va detto che il processo creativo che ha portato alla sua nascita è stato lungo e piuttosto articolato. Eva Natasa si è infatti concesso un anno sabbatico per vivere in una casa senza mobili, una sorta di tela bianca su cui disegnare "l'essenziale".

Dopo aver risposto a domande tipo "Come ci si sente a vivere in una casa senza mobili?", "Se una persona potesse avere un solo pezzo di arredamento, che cosa sceglierebbe?" "Qualcuno può vivere senza mobili?", il percorso si è focalizzato sulla scelta dei materiali e dei processi produttivi migliori per la realizzazione.

Il risultato è una linea dal design quasi scandinavo, con le venature del legno a vista e piccoli vezzi scenici per renderla più personale e accattivante (come le viti a contrasto o l'accostamento di varie geometrie). I pezzi della collezione sono tutti visibili nella gallery di inzio post.

Voto di Designerblog 8.5 Molto interessante
Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO