Migas Migrantes, il libro d'illustrazione che parla di nomadismo

Scritto da: -

Migas Migrantes, il libro d’illustrazione che parla di nomadismo, racconta di una famiglia di briciole (migas) che provengono tutte dallo stesso pane. È una storia non solo per bambini, ma come solo poche sanno fare, parla anche agli adulti, e diverte e fa riflettere tanto gli uni quanto gli altri.

Le briciole da subito si mettono in mostra e raccontano la propria storia di minuscoli nomadi. Parlano delle loro peculiarità, di come si divertono, ma di come rischiano anche d’essere mangiate dai piccioni. Raccontano dei loro momenti di riposo e di gioco, con una scopa sempre pronta a far piazza pulita. Non mancano di dire come spesso possano ritrovarsi sul volto della gente, e di come si possano anche far begl’incontri con polvere o monete. Il viaggio potrebbe non finire mai, ma quel che importa è che lo si faccia tutti insieme: tutti uguali, tutti diversi.

Migas Migrantes è edito dallo studio Nariz, e l’autrice è Nuria Benítez Redondo. Nariz è una realtà multidisciplinare: casa editrice, studio di grafica che pone al centro l’illustrazione e il type design, sviluppati attraverso stampa e web. L’organico è composto da quattro persone: Giuseppe de Cesare e Nuria Benítez si occupano di disegno, l’uno specializzato in type design e l’altra nell’illustrazione. Per la programmazione e il web design invece c’è Minerva Juan, e per la comunicazione Jesús Quintanilla. Nariz ha sede a Barcellona, tuttavia è innegabile anche un po’ di italianità.

Il libro è provvisto anche di un suo sito molto bello, curato e funzionale. Ad accoglierci tante briciole di pane con i volti di tutte le persone che come noi sono passate di lì e hanno voluto lasciare un segno.

Vota l'articolo:
3.87 su 5.00 basato su 52 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Migas Migrantes, il libro d'illustrazione che parla di nomadismo

    Posted by: oculisstudio

    Great book! We love paper goods … !! <a href='http://www.oculisstudio.com' rel='nofollow'>www.oculisstudio.com</a> Scritto il Date —