BoraBora, le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre

Le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre

Non riuscite ad arrendervi all'idea di avere davanti almeno altri due mesi di grigiore e buio? Avete paura di arrivare a marzo intristiti, con lo sguardo spento e il corpo debilitato? I designer parigini Quentin Vaulot e Goliath Dyèvre hanno pensato proprio a voi, nell'ideazione di queste ironiche mini lampade dai nomi suggestivi: Borabora, Maldives, Haiti e Bahamas.

Questi mini oggetti luminosi hanno la forma di una confezione di pillole, un medicinale a base di raggi solari a cura dei fantomatici Sunset Laboratories le cui dosi si misurano in lumen piuttosto che in milligrammi. Presentati nell'ambito della mostra itinerante Miniflux, curata dalla Galerie Roger Tator in occasione del Lyon Light Festival 2011, i blister luminescenti di Vaulot&Dyèvre, esposti per l'occasione nelle vetrine di una farmacia, non consumano più di un singolo flash fotografico.

Le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre
Le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre Le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre Le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre Le pillole luminose di Vaulot&Dyèvre

  • shares
  • +1
  • Mail