La realtà aumentata dei manifesti pubblicitari di Public Ad Campaign e The Heavy Projects

La realtà aumentata (augmented reality) prende sempre più piede. Merito delle nuove tecnologie disponibili (e economicamente più abbordabili), ma anche di un'interazione quasi annunciata: lo step successivo praticamente inevitabile dopo gli eccessi da documentazione con fotocamere e video camere digitali e la loro sintesi negli apparecchi mobile.

Questo esperimento (che viene definito come un progetto di "augmented art", per l'esattezza) nasce dal mix tra la Public Aid Campaign ed i lavori di realtà aumentata di The Heavy Projects. E' stato ribattezzato "Augmented reality advertising takeover' e viene presentato come un'iniziativa volta a democratizzare lo spazio visivo in risposta ai molti manifesti pubblicitari che i passanti sono costretti a vedere e i loro relativi messaggi, senza la possibilità di una vera e propria scelta.

Il software - ancora in beta test - trasforma manifesti e cartelloni pubblicitari di Times Square a NYC in una raccolta di opere originali di street art
di Ron English, John Fekner, Posterboy, Doctor D e OX. Il tutto può essere visualizzato sul proprio smartphone tramite un'applicazione sviluppata dal team.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail